il maestro di vilio in mostra

Ortografie-iPhone Hipstamatic Claunch 72

La mostra nasce dalla creazione a Succivo degli Orti Sociali. Il primo esperimento di recupero e valorizzazione degli antichi Orti del Casale di
Teverolaccio. Una terra fertilissima all’interno del Casale di Teverolaccio, una splendida masseria fortificata del ’700 dove un gruppo di volontari di Legambiente sta lavorando alla sua valorizzazione attraverso la realizzazione dell’Ecomuseo Terra Felix.
Foto realizzate da Salvatore Di Vilio con iPhone Hipstamatic Claunch 72 monochrome – Dittico stampato 30×60

giovedì 8 settembre alle ore 16.00 - 11 settembre alle ore 23.30
Orto Sociale – Casale di Teverolaccio Succivo (Caserta)

“Partendo su di un treno che non arriverà mai- perché si parte sempre scegliendo bene la destinazione- si sceglie un bel niente. Nessun posto. Nessuna stazione d’arrivo”.
Carmelo BeneOrtografia: questo è il nome che Salvatore Di Vilio ha deciso di dare alla sua ricerca fotografica legata agli orti sociali di Teverolaccio. Ortografia, corretta scrittura o maniera corretta di scrivere una lingua. La Terra: una immensa pagina sulla quale diciotto agricoltori hanno scritto, grazie all’uso sapiente degli strumenti agricoli, interi versi dedicati alla superficie che noi quotidianamente calpestiamo senza considerazione. Nell’ortografia campestre nessuno è ignorante, tutti diventano Re di quel lembo di Terra nel quale noi tutti non vediamo nulla mentre loro con sapienza ortografica riescono a scrivere intere pagine ricche di nutrimento, di vita. Diciotto agricoltori sono ritratti in un dittico che li vede affiancati da alcuni elementi tipici della vita agreste, in una simpatica, e quanto mai aderente, somiglianza.La Terra
un passo
e la vita si ricrea.
la Terra,
la nostra,
che non vuol andar.
Eugenio Tinto

settembre, andiamo….

metto qui un mio pezzo uscito oggi sul mattino. mi pare ci sia dentro tutta l’agenda delle lotte possibili (ho dimenticato solo la ferrovia vergognosamente dismessa)

ieri sera a buonabitacolo una cinquantina di ragazzi hanno visto DI MESTIERE FACCIO IL PAESOLOGO. in giro per l’appennino ogni tanto s’incontra un pò di fervore….

l’irpinia ha più che mai un brutto carattere….

***

Il presidente Caldoro continua a mandare i rifiuti in Irpinia. La spedizione a rate dei rifiuti dalla zona della polpa a quella dell’osso avviene nella sostanziale indifferenza dell’opinione pubblica irpina. La sfiducia nella politica ha raggiunto un risultato paradossale: è talmente grande da lasciare indisturbati quelli che governano, anche quando il governo è fatto di un mare di chiacchiere e poche scelte, sempre a discapito dei più deboli.

La perenne emergenza dei rifiuti in Campania continua a essere risolta grazie alle discariche. La nuova amministrazione napoletana annuncia provvedimenti, ma nella sostanza, per ora, la cultura è sempre quella: Continua a leggere

Comunità o della “consapevolezza”…..provvisoria.

ALTRI COME NOI

il giorno in cui moriremo
il vento come sempre passerà
in mezzo a questa casa che si chiama mondo. altri dopo di noi saranno allegri, tristi, moribondi, altri come noi,
ombre illuminate da un cerino,
cerini dell’ombra. F.Arminio.

Una persona in modo eccezionale e non per abitudine osserva le proprie emozioni e processi mentali ed elabora il senso dell’io…autentico e profondo. Non sempre in modo consapevole mentre vive il suo io storico, sociale e personale in modo attivo. In scienza si suole distinguere tra una consapevolezza primaria e una di ordine più elevato, cosciente e motivato: la prima è soprattutto percettiva, mentre la seconda è una nozione concettuale del proprio io. Gli animali possiedono la consapevolezza percettiva ad esempio. Ad un uomo razionale non basta saper inventare e creare spazi di discussione (piazze virtuali o reali) costruire comunità (pòlis o associazioni) ed essere solo in grado di percepirle e dotarle di senso e coerenza e neanche solo come spazio ed occasione dove meramente reagire a semplici stimoli emotivi o emozionali . Considero la creazione di occasioni comunicative o di esercizio agonistico e la costruzione di comunità esistenziali la caratteristica fondamentale di una consapevolezza primaria ancora delle comunità primitive . Continua a leggere

il mestiere più antico del mondo

 

di franco farinelli

Da piccolo una volta ho portato, a scuola, le orecchie d’asino. Era una cuffia o meglio una calotta di stoffa nera con due verticali protuberanze che s’indossava come un copricapo, e sulla fascia che a metà copriva la fronte, ricamato in bianco a stampatello, la formidabile scritta: ASINO. Così conciato si veniva condotti in giro per tutte le classi, sistematicamente mostrato agli altri alunni Continua a leggere

100 Sindaci per la Bellezza e il Paesaggio

“Il nostro petrolio è la bellezza
La bellezza ci fa pensare alto
E noi la buttiamo via come se fosse danaro
dentro tasche bucate
La bellezza grida i suoi dolori in modo silenzioso.
Bisogna curare le orecchie di chi comanda
Perché riescano a sentirla
La bellezza è il nutrimento della mente
La bellezza in Italia puoi anche incontrarla per strada
e ti riempie subito di stupore

Ma nei piccoli mondi c’è tanta bellezza che sta morendo.
Se noi la salviamo, salviamo noi”.
Tonino Guerra

La bellezza e il paesaggio, la ricchezza e la qualità del patrimonio artistico, archeologico e architettonico, la originalità e l’importanza della ricerca culturale e della tradizione musicale, teatrale, della moda e in genere della creatività fanno dell’Italia un Paese unico al mondo.
Il diritto alla bellezza e la tutela del paesaggio non sono un’attività ‘fra altre’ per la Repubblica, ma una delle sue missioni più proprie, pubblica e inalienabile Continua a leggere

varie

cari amici

occhio all’autunno! primo appuntamento è lo sciopero del sei settembre a grottaminarda.

purtroppo nel mese di settembre non potrò essere molto attivo in rete. spero che gli amici mantengano viva la discussione “paesologica”….

ieri sera a cisternino quasi trecento persone hanno pagato tre euro a testa per sentir parlare di paesologia. mi pare una buona notizia…..

l’incontro per la creazione dell’aps è rimandato a ottobre, mese in cui dovrebbero essere disponibili molti degli amici che non ci sono a settembre.

armin