Il marcio e il pacchiano

Sono giorni di campagna elettorale nel mio paese. I muri sono pieni di facce eccentriche. Nella piazza principale vedi uomini, un tempo autistici, che escono da se stessi offrendo ai passanti cortesia, attenzione e il “santino” del proprio narcisismo stampicchiato su un volantino.

Continua a leggere

Giancarlo Frigieri e le strade rubate ai bambini

Luca Buonaguidi - Turchia, giugno 2010

Luca Buonaguidi – Turchia, giugno 2010

“Vivo il mio paese come un fantasma . Sono anni che non gioco per strada”
Antonio D’Agostino,
da “Un paese (appunti per un’ossessione)

“Mia madre per chiamarmi si metteva alla finestra a urlare
L’urlo era cosi forte che lo sentiva tutto il quartiere
Capisco che non fosse come regalargli il cellulare
Però capivo all’istante quando era ora di ritornare
E le madri avevan dato dei confini a quei bambini che portavano in grembo
Quindi ci arrangiavamo noi ed erano gli anni di piombo
Giancarlo Frigeri,
da “Chi ha rubato le strade ai bambini”

Giancarlo Frigieri è un cantautore italiano poco noto all’Italia del concertone del 1 maggio, quella dell’affiliazione e dell’autismo corale che tanto ci sforziamo di denunciare qui, quella che attraverso una falsa e gridata opposizione collettiva sfocia poi in una silenziosa connivenza individuale. Non è un caso poi che a trent’anni di concertoni siano corrisposti altrettanti anni di inarrestabile degrado delle arti, della società e della politica italiana. Guai a porsi delle domande, vige la legge morale dell’”Applaudo ergo sum” e poco importa se per dire chi siamo non abbiamo che una lunga lista di scontrini.
C’è tanta bellezza e perfino un pizzico di paesologia ai margini sonori, negli anfratti musicanti di quest’Italietta naufraga e banale oltre ogni misura, che si riduce a cantare cover di pezzi anglosassoni per celebrare una festa nazionale senza più mordente, senza più carattere e senso, oggi che il lavoro si rivela sempre più come la trappola ideologica del secolo scorso e sempre meno come un diritto. “Diritto al lavoro” e “libertà di culto” sono i miei due ossimori preferiti di sempre” ha scritto Fulvio Venanzini ed io non sapre dire di meglio.

Giancarlo Frigieri con il suo album d’esordio in lingua italiana “L’età della ragione” ha vinto il Premio Italiano Musica Indipendente 2009 come “Miglior album autoprodotto”. Nel febbraio 2010 ha replicato con “Chi ha rubato le strade ai bambini?” da cui è tratto questa traccia. Tra le mille cose che ha fatto e suonato e potete leggervi qui, ha collaborato con artisti del calibro di Walkabouts, Giant Sand, J Mascis, Califone, Fairport Convention, Modena City Ramblers, Nada, Oppure Offlaga Disco Pax, Giardini di Mirò ecc.
Questa sua canzone mi ha colpito per la capacità di critica sociale tagliente,  anedottica e fortemente simbolica, che non stanca ma stringe il cerchio intorno al vero dramma dell’ambiente urbano e paesaggistico italiano: la trasformazione che questo ha subito in particolare negli ultimi trent’anni (ancora questi maledetti). La canzone si avvale poi di un flusso chitarristico trascinante che lascia un senso di vuota nostalgia per qualcosa che i paesi, le città, hanno perso e non sappiamo se riusciranno mai a ritrovare: la dolce anarchia dei bambini.
Su “Comunità Provvisorie” se ne era già parlato nell’”Elogio del bambino barbarico” di Paolo Mottana, sottoscritto e pubblicato dal “nostro” Antonio D’Agostino, inserisco qui il testo (trascritto a mano per l’occasione) di questa canzone oltre alla canzone stessa in un ideale dialogo che prosegue intorno al ruolo dei bambini nel modellare le nostre città, i nostri paesi, le nostre strade, ma soprattutto la nostra sensibilità di abitanti della comunità provvisoria per eccellenza, quella terrestre.

“Mia madre per chiamarmi si metteva alla finestra a urlare
L’urlo era cosi forte che lo sentiva tutto il quartiere
Capisco che non fosse come regalargli il cellulare
Però capivo all’istante quando era ora di ritornare
E le madri avevan dato dei confini a quei bambini che portavano in grembo
Quindi ci arrangiavamo noi ed erano gli anni di piombo
Ora mi dici che tutto è cambiato e certe cose non sono  normali
Nel mio quartiere da trent’anni le strade sono sempre uguali
Vi ricordate quando stavamo in strada per ore da ragazzini
Ora che non ne vedo più mi chiedo chi ha rubato le strade ai bambini?
Le strade ai bambini

Mia madre non ha mai firmato moduli mentre faceva la spesa
O mi teneva con lei oppure mi lasciava a casa
Ed io restavo in strada con gli amici lei magari andava in centro
Non stavo ore da solo io e un monitor col mondo dentro
Oggi gli scarroziamo dappertutto basta che restino al chiuso
Perché per strada non si puo piu stare è pericoloso
Dici che parliamo col senno di poi e usiamo piu la testa
Non ammettiamo che le strade le pretendiamo in mano nostra
Vi ricordate quando stavamo in strada per ore da ragazzini
Ora che non ne vedo più mi chiedo chi ha rubato le strade ai bambini
Vi ricordate quando stavamo in strada per ore da ragazzini
Ora che non ne vedo piu mi chiedo chi ha rubato le strade ai bambini?
Chi ha rubato le strade ai bambini?
Chi ha rubato le strade?“

Antonio Moresco in Campania

● SABATO 10 marzo alle ore 18.30, in presenza dell’autore, Marco Palasciano e Antonio D’Agostino presenteranno presso il BAD museum la nuova edizione di “Gli esordi”;

Continua a leggere

La “pro loco” della “bellezza”.

 

Quanta retorica sulla bellezza! La bellezza che dovrebbe salvarci dalla miseria, dal male e da tutti i deficit esistenziali che ci contraddistinguono. La bellezza che dovrebbe insegnare ai politici a governare meglio; i ragionieri a uscire dai conti, per poi portarli a intravedere nell’astrazione del numero il perfetto ritmo dello spirito santo; consentire ai geometri di aderire alla scuola platonica per inseguire la perfetta forma e misura!

La domanda è scontata: non vi sembra tutto esagerato?!

Continua a leggere