IN MEMORIA DEL POETA ZANZOTTO. di Ulisse Fiolo

LA MORTE ODORA DI RESURREZIONE (MONTALE)
IN MEMORIA DEL POETA ANDREA ZANZOTTO



"Ma tu continua a consumarlo, il dorso della mano,
a consumarlo con le dita,
Zanzotto amico,
tu che non chiedi pietà, non è vero?
TU CHE VUOI VERITÀ A COSTO DI NON ESSERE."
(Franco Fortini)

Pur avendolo incrociato personalmente solo qualche volta, così al volo per
poco più di un saluto, è una perdita che comunque va ben al di là di me e dei
miei sentimenti individuali: Andrea era (e a leggerlo lo è, e sarà ancora molto
a lungo: in prospettiva 'profetica' o meglio lungimirante) la più grande, la più
profonda, la più lucida e la più sensibile mente del nostro tempo (e di quelli a
venire, con la garanzia della sua poesia). Zanzotto era come i luoghi, che son
più delle persone: perché ci accolgono, ci nutrono e sostengono e, quando ce
ne andiamo, loro restano; Andrea Zanzotto fu, e resta, la capitale della poesia.
Vorrei fosse ben presente nell'animo di tutti che non è una 'semplice'
questione di un qualche vuoto, che nella vita capita e che comunque può
essere non dico colmato, ma certo superato con altri incontri etc.: qui si tratta
di una porzione immane di noi come genere umano, ma di più, di noi in
quanto esseri di questo pianeta e universo, che viene a mancare per sempre e
in modo assolutamente insostituibile – è come fosse scoppiato il sole, è la
distruzione d'un possibile modo di essere, ben al di là della devastazione
disumana planetaria attuale; non ci viene a mancare qualcuno e amen si tira
avanti: c'è stata una perdita nelle condizioni che rendono possibile la nostra
stessa esistenza, è qualcosa d'irrimediabile e catastrofico: perché non siamo
soltanto un po' più soli, ora, visto che gli scritti che ci ha lasciato
continueranno a parlarci ancora molto ma molto a lungo (come succede per le
pagine di Pasolini, ad esempio), ma qui anzi c'è stato un cataclisma naturale
di proporzioni non calcolabili nella consapevolezza di tutto il mondo, ben al
di là dei singoli o addirittura della specie – Andrea era in quella sfera in cui
solo un Dante o i santi come Francesco arrivano, e ci aiutava a rendercela
tangibile un po' anche a noi, anestetizzati dalla 'modernità': ora c'è da fare
davvero un salto immane – ma tutti quanti; davvero: tutti – e tutti assieme…

§
A. Z. – Pieve di Soligo (TV) 1921-2011
Una crepa traversa l’universo –
oggi il mondo è di meno: è morto il "cuore
cosciente" di quest’era – addio Zanzotto,
la vedetta di Pieve di Soligo;
come si fosse sbriciolato il cielo,
spento il sangue, esplosa una galassia –
sgretolato il cervello e secco il sole;
più che fossero crollate le Alpi,
bruciata l’Amazzonia, rotto il tempo –
l’ossigeno dell’anima è finito...
Eri l’enormalia, il contrappasso
di bene e di beltà all’impazzire
della modernità: restiamo orfani
di chi ci ha partoriti in poesia –
ora la vita di tutti è azzoppata,
si trascina a fatica fino a dove
potrà senza di te, senza la rima
della tua voce dentro lo stonìo
brutale di quest’epoca cattiva;
noi, soli, al chiaro delle tue parole.
Voler essere niente, essere veri –
cercando di sparire nel silenzio:
nel cibo, nel respiro – trasparenti;
la morte è solo quando hai dato tutto
te stesso, intero, e la forma che porti
non basta all'avvenire: e allora via, partire;
Andrea, mio amatissimo maestro,
sei tornato alla terra del tuo canto:
rifuso, infine, col nostro paesaggio
che ora risuonerà di te – nei secoli.
(E la giostra del mondo non si ferma,
neanche per l’ultimo immenso poeta…)
18/10/2011

*
Maestro caro
Io ti ho visto sognare, quest'estate,
Andrea, che venni un giorno a casa tua
ad un'ora balorda dopopranzo
e senza preavviso – svergognato:
tu riposavi in pace sul divano,
come se in quel tuo calmo meditare
fosse racchiusa, ed insieme diffusa,
la luce più infinita della vita.
Tu, che facevi i "recital per l'erba"
di questa terra-carne, a cui ritorni:
come quell'anchorman della tv,
sarai onorato in esequie di Stato?
Ridi: tu ridi, Andrea – lo so,
lo sento dentro il grido del cemento;
tu ridi come ridono i sapienti,
assieme a Mozart, a Vincent – per sempre.
18/10/2011
Annunci

4 thoughts on “IN MEMORIA DEL POETA ZANZOTTO. di Ulisse Fiolo

  1. un ricordo davvero toccante di colui che è Maestro per molti di noi. Onorati noi di averlo avuto in questa terra, eredi noi, ma piccoli piccoli, è morto troppo presto… come ogni padre e madre…. nadia breda

    • è il ricordo di una persona colma di sensibilità e di trasporto affettivo verso un poeta che , Ulisse , si capisce che ama molto. c’è un trasporto che va oltre al semplice essere stato attento lettore di Zanzotto. c’è qualcosa di …. oserei dire mistico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...