Un cadavere .

metto qui una “poesia” scritta di getto. è frutto di indignazione per gli  scempi  che  la mia terra subisce giorno per giorno.

La terra in cui sono nato

era un tavolo ben apparecchiato

non mancavano mai i viveri necessari

c’era frutta per ogni stagione

intorno al tavolo ci si radunava

per un rito conviviale che da secoli

scandiva i giorni, le notti

Oggi intorno ad esso

già da qualche decennio

siedono sciacalli

che hanno trasformato

la pianura nel loro panno verde

per i loro giochi sporchi

l’hanno violata,

umiliata

fin nelle sue visceri più sacre

antiche

La mia terra muore.

sul tavolo oggi c’è

un cadavere

che più nessuno vuole .

Antonio D’Agostino

Annunci

2 thoughts on “Un cadavere .

  1. Benissimo, caro Antonio, molto aprezzata.
    La scrittura di getto mira all’essenziale apparentemente non esaustivo ma denso. Saluti cari a tutti, Gaetano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...