Il Dio delle lingue e delle radici

Da Dispacci dal paesaggio degli alberi e degli uomini di Tiziano Fratus

Il Dio delle lingue e delle radici

Ci siamo persi poco prima di conquistare la vetta.
Non c’erano grandi parole da dire,
la tua faccia da falegname, i miei occhi da sognatore.

Una parete di tronchi e di chiome di larice,
le ombre che fermentavano nel sottobosco.

Mi hai teso la mano e l’hai detto: Forza, Dio ci aspetta

Annunci

4 thoughts on “Il Dio delle lingue e delle radici

  1. Tutta giocata sulla sottrazione. Essenziale, significativa, potente. A diretto contatto con la natura (specie quella vegetale), emerge altrettanto potente la “religio” dell’esistenza; qui ha nome Dio, il dio antropizzato della nostra tradizione cristiana, in mille altri “altrove” ha altri nomi per l’unica “religio” della vita.

  2. Ti ringrazio. Hai scritto delle belle parole… condivido il discorso riguardante il Dio cristiano. Per me ha radici luterane. Ma è ovvio che quando mi trovo in mezzo alla natura Dio è tutto e niente, la natura supera le parole che come specie abbiamo coniato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...