IL MONDO DI MARIO MORI

Leggendo le poesie di Belli e Trilussa avrei tanto voluto sapere dalla loro viva voce cosa vi fosse alla base dei loro versi: la loro profonda umanità, la loro visione così disincantata dell’esistenza e del destino che fa parte della natura di questa città; una città antica, tanto bella, che ha visto la storia del mondo, e che del mondo e del-le sue contraddizioni è stata la protagonista.

Mario Mori è l’erede di questa tradizione: l’erede di Pasquino, la statua che il popolo romano sceglieva come portavoce del suo scontento; è l’erede di Giuseppe Gioacchino Belli e di Carlo Alberto Salustri, che tutti poi conobbero col nome breve e conciso di Trilussa. Ed allora mi verrebbe voglia di chiedere a lui di spiegare, di rendere comprensibile anche a noi il magico mistero di Roma, che consente a chi ci è nato e vissuto di vedere il mondo e la vita con occhi diversi, particolari.

Eppure è proprio allora che mi rendo conto che non serve aprire altre discussioni: bastano le sue poesie, a volte così delicate e a volte così crude, a volte così dolci ed a volte così aspre. Ma sempre tanto, tanto ardentemente e genuinamente romane.

LE CONZEGNE

Er leone sur letto de la morte

aridunò er governo lazzerone

pe „nzegnaje co nurtima lezzione

come se frega er popolo e la sorte:

“Si putacaso la popolazzione

saribbella pe certe cose storte,

nun addoprate la maniera forte,

ma create „na certa confusione.

Lanimali oramai se sò istruiti

nun se pò governà sullignoranza;

si cambieno la fede e li partiti,

fate pure li patti dalleanza:

e doppo che lavete arimbambiti,

potete daje quello che vavanza

SPECCHI

„Na pozza dacqua, spesso,

te pò servì parecchio

a vedecce te stesso

come dentro a „no specchio.

Si lacqua è trasparente,

si è limpida e pulita,

ce vedi solamente

nimmaggine sbiadita.

Si invece lacqua è zozza,

putrida, lercia e infetta,

la faccia ne la pozza

se vede assai più netta.

Perciò cè tanta gente

che vede la bellezza

„ndove cè solamente

un mucchio de monnezza.

 

ER PUPAZZO

Ècchelo lì, vestito da barbone,

immezzo ar campo a fà lo spauracchio,

coperto da un cappello co un pennacchio,

la giacca impataccata a pennolone.

Guardo sto coso buffo, sporco e racchio;

e ner vedéllo, provo limpressione

dun Cristo abbandonato; e lespressione

pare che dice: “Qui, nun servo a un cacchio.

Lucelletto, sta povera cratura,

cacciata e avvelenata da la gente,

adesso è morto e nun cià più paura.

Me guardo intorno, ma nun cè più gnente:

e ner silenzio sento la natura

che chiede aiuto allomo più coscente!”

IN VINO VERITAS

Davanti a „na bottija ancora piena

penso a la gioventù che se nè ita.

Comincio a beve, e quanno lho fenita

mareggo dritto in piedi a malappena.

Agguanto er vetro stretto fra le dita,

guardo co un occhio er fonno, e quela scena

me fa sentì ner còre „na gran pena:

lì dentro ce sta er vòto de „na vita;

e der quer vòto adesso io sò pieno.

Pieno de vino, sì; ma ner cervello

me nasce un dubbio che è come un veleno:

sto vetro trasparente, tonno e verde

pare che me vò dì: “Amico bello,

sei fatto come me: sei un vòto a pèrde”.

 

ANALOGGIE

„Na goccia dacqua stimola er pensiero:

nasce dar cèlo, casca, vive, mòre.

Sopra la tera pò dà vita a un fiore;

ma ner mare, rientra ner mistero.

 

ER TIMONIERE

Quanno che lomo sarza la matina,

ogni giornata je diventa nera

perché lo sa che quanno viè la sera

lentrata co luscita nun combina.

Cè chi nun se da pace e se dispera,

ma cè chi se ne frega si cammina

su „na strada che porta a la rovina

passanno, prima o poi, da la galera.

Chi ce governa cià la presunzione

de navigà sopra „na barca rotta

senza conosce la navigazzione.

Nun je ne frega gnente de chi lotta:

sè legato a la rota der timone

e arubba come un fìo de „na mignotta.

 

BOLLE DE SAPONE

Un omo intelliggente cerca spesso

de capì er monno e tutto quer che cè.

Lui sa che vive, ma nun sa chi è

e studia lantri pe capì se stesso.

La vita nun jabbasta pe sapé

quer che cià dentro e che se porta appresso;

pe sto motivo campa de riflesso

senza risponne a tutti li perché.

Ma è pure vero che cè tanta gente

che vive tra merletti e ghirigori

e de chi soffre nun je frega gnente;

ma vede solamente li valori

attraverso „na bolla trasparente

che incarta laria insieme a li colori.

 

ER QUARTO COMMANDAMENTO

Da un fìo nun maspetto quellonore

che fa parte de li commandamenti

ma nun pò carpestà li sentimenti

de chi jha dato vita e tanto amore.

Eppure, senza tanti complimenti

ha operto er rubbinetto der dolore,

chè quello che fa male a un genitore

vissuto sempre immezzo a li tormenti.

Se ce sta un torto, esiste „na raggione,

che adesso tu nun vedi caro fìo.

Ma er tempo passa come ogni staggione:

oggi lautunno è sortanto mio,

comera mia lurtima illusione,

che mha lassato senza dimme addio.

 

‘NA LAGRIMA D’AMORE

Guardo le labbra tue, e in quer soriso

cè tutta la bellezza der Creato.

Insieme a te me perdo ner peccato

e nellInferno trovo er Paradiso.

Nellocchi ancora lucidi de pianto

cè rimasta „na lagrima damore,

ma in quela stilla io vedo sortanto

„na goccia de ruggiada sopra a un fiore.

Hai brillato pe me come „na stella.

Sei stata er più ber sogno de la vita.

E pure si la favola è fenita,

rimani lillusione mia più bella.

Pe „na scintilla tua sò annato a fòco.

Quasi scherzanno me ce sò abbruciato.

Eppure si stamore è solo un gioco

è un gran peccato che tu lhai smorzato.

Pure si soffro tanto, che me „mporta?

Lo so che questo è er prezzo de lamore:

la fiamma brucia, ma pe quer calore

sò pronto a riscottàmme nantra vorta.

 

ER CENSIMENTO

Li carcoli senzartro sò sballati

quanno contamo li lavoratori;

perché marioli, pappa e sfruttatori

nun vanno in conto e vengheno scalati.

Poi, devi esclude pure: giocatori,

studenti, regazzini, pensionati,

sindacalisti, preti e carcerati,

ministri, deputati e senatori;

er ricco, lammalato e laccattone,

la „ndrangheta, la mafia, la camora

e tutti quelli in cassa integrazzione.

Insomma, a conti fatti stai de fòra:

vedi che su un totale dun mijone

cè solo quarche stronzo che lavora.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...