il testimone che consegniamo ai nuovi “comunitari” per aliano….

“…Ma i veri viaggiatori sono soltanto quelli che partono per partire; cuori leggeri, simili a palloncini,non si allontano mai dal proprio destino e senza sapere perché, dicono ogni volta:“Andiamo”!Sono quelli i cui desideri hanno la forma di nuvole,quelli che sognano, come fa la recluta con il cannone,piaceri immensi, mutevoli, sconosciuti,di cui l’animo umano non ha mai conosciuto il nome!”

Charles Baudelaire – le fleurs du mal

di mauro orlando

La comunità provvisoria ha intrapreso un suo viaggio  anni fa! In questo nostro provvisorio viaggio come Comunità , in una sorta di ritorno identitario  non nell’inferno conradiano  di una contemporanea  “Apocalypse now” abbiamo incontrato i nostri moderni ‘demoni’ cattivi  di piccolezze ‘umane troppo umane’ che hanno insidiato il gioco “leggero e piano” della ricerca dell’  “io” della nostalgia ,della bellezza,della mitezza ,del silenzio e delle malinconia. Il viaggio è stato la metafora letteraria e concreta   della nostra esperienza individuale-comunitaria. Il nostro viaggio comunitario doveva essere  il classico “viaggio eterno e simbolico” dove dovevano  convivere a loro perfetto agio i profondi e doloranti sconforti dei poeti  e dei ‘sognatori pratici’ con le argomentazioni più eterogenee dei cultori del logos,della doxa, dei sogni, della fantasia, dei professionisti delle tèkne e delle arti primarie e secondarie……non dei santi,navigatori ed eroi in cerchi di isole o paradisi perduti. Avevamo scelto di viaggiare senza i confini e osteggiato con intransigenza  i pericoli della formalizzazione burocratica…di andare avanti in “ una cornice provvisoria che si allargava e si restringeva, in cui si sceglieva  volta per volta  di andare  e si venire liberamente”. Volevamo  inventare anche un nuovo modo di fare un viaggio nelle nostre radici  e nostri futuri.Volevamo essere ‘ossimori’  viventi  sogni-reali. Con uno spirito multiforme e misterioso guidato assieme da Ermes e Atena, le due divinità che lo proteggevono con una natura molteplice e versatile. Doveva poter  assumere tutte le forme, prendere tutte le strade, tendere verso tutte le direzioni in modo sinuoso e avvolgente. La sua natura doveva essere ricca di colori e di geroglifici, come un arazzo, un tappeto o un quadro. Essere  artificioso come un’opera d’arte, intrisa di magmi notturni e di voli leggeri e  solari e segnato  da costellazioni luminose, velato e misterioso come la rotta dei pirati, dei ladri, dei pastori ,dei trovatori , dei mercanti e degli amanti. Non indicavamo mete -ripeto- e  isole felici da raggiungere ma volevamo vivere felici nella isola-territorio che ci è stata donata dai nostri padri con fatica e anche con gioia. Non seguivamo le chimere o le sirene  che ci cantavano ammaliatrici  di  mondi da scoprire o da indicare ma volevamo conoscere profondamente e far conoscere il territorio in cui siamo nati e vissuti non sempre con la comprensione e il rispetto di chi lo ha governato e sfruttato.Noi che intellettualmente  ci siamo educati ad amare  il viaggio per amore del viaggio come Gulliver e Robinson non con la malinconia lacerata di Amleto ma con la versatilità operosa di Ulisse ….forse con la dolce e sconsiderata   follia di Quijote “il cavaliere dalla triste figura” . Abbiamo imparato a conoscere  le insidie della malinconia e della nostalgia ma avevamo sottovalutato  i piccoli rancori, le cattiverie, le pochezze,le idee corte,umane troppo umane, delle rivalse e dei riscatti  nelle sacche degli umori neri   degli animi  senza orizzonti e  ideali lunghi.  Molti di noi si salveranno dal ‘naufragio’ perché per tempo  abbiamo imparato ad amare  la solitudine a scavalcare ed evitare  i frutti malefici dell’isolamento.Ci salviamo perché  sappiamo per esperienza umana troppo umana che sono sentimenti che non si possono temere o tacere ma vivere nella loro diversità. La malinconia è insidiosa e la nostalgia è diversa, perché la nostalgia è un sentimento di assenza, cioè fondamentalmente di assenza ma che può essere recuperata con la memoria ,il ricordo e sopratutto con il ritorno a casa e al proprio passato nei limiti del tempo possibile e della terra ridotta e curata dei padri. A patto che in questo nostro viaggio sia la nostalgia che la malinconia diventino sentimenti belli e attivi che ci costringono a superare la pigrizia, la noia , i rancori e le tristezze stimolando la voglia di intraprendere sempre nuovi viaggi dentro di noi e dentro la terra che ci è toccato di vivere………

Annunci

One thought on “il testimone che consegniamo ai nuovi “comunitari” per aliano….

  1. LIONI, 5-9-2012 = h.14:34————————-

    Bello, quello che scrivi, caro Mauro, grazie!

    […Ci tocca vivere per viaggiare, per trovare approdi, per ricercare mete nuove attraverso il vissuto. Ci tocca stare e ritornare, esserci e custodire, rinvenirci ed esprimerci. Ci tocca vivere la salutare follia dell’amore, spingere il pensiero nelle vene del sorriso, condividere il meglio di noi per districarci nell’enigmatico presente, per salutare contenti l’attimo fuggente, per ritrovarci vivi negli altri…]G.C.=

    Un abbraccio a tutti, Gaetano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...